• DALLE STELLE ALLE STALLE

    Cuomo, l'anti-Trump travolto dagli scandali

    Dalle stelle alle stalle in un solo anno, benché al governo da dieci. Andrew Cuomo, governatore dello Stato di New York, era considerato come il baluardo anti-Trump durante la pandemia di Covid-19. Ora è indagato per la gestione del Covid e ha dato le dimissioni a causa dell'ennesimo scandalo sessuale.

    • PAESE PERDUTO

    La tragedia degli interpreti afgani, rischiano l'abbandono

    Migliaia di afgani hanno aiutato il contingente italiano, come interpreti o impiegati nelle nostre basi. E così è stato per gli altri contingenti alleati. Ora, se rimanessero in Afghanistan, dopo il ritiro della Nato, rischierebbero di essere uccisi dai talebani. L'appello del generale Battisti a fare in fretta. Troppa burocrazia rallenta l'evacuazione.

    English
    • GUERRA INFINITA

    Afghanistan, le città cadono nelle mani dei Talebani

    In Afghanistan i talebani sono all’offensiva da un mese e mezzo, ma negli ultimi giorni hanno occupato i capoluoghi di 6 delle 34 province. Le città cadono una dopo l'altra, per mancanza di rinforzi. Gli Usa schierano bombardieri pesanti, ma è difficile pensare a un nuovo coinvolgimento: cittadini americani e britannici stanno fuggendo. 

    • UN PAESE NEL MIRINO

    Gay diktat dall’Ue, ma l'Ungheria contrattacca

    Prosegue il ricatto di Bruxelles sui fondi: la ragione principale sta nel “no” dell’Ungheria all’indottrinamento Lgbt nelle scuole. Attacchi (pittoreschi) perfino di Hamilton e Vettel. La Norvegia nega i Norway Grants, ma il Governo Orban fa ricorso. E va avanti con il referendum sulla legge anti-pedofilia.

    • COMUNISMO

    Morte di un dissidente bielorusso. L'ombra del KGB

    Vital Shyshou, 26 anni, attivista bielorusso in esilio in Ucraina, è scomparso e dopo un giorno di ricerche è stato ritrovato impiccato a un albero in un parco a Kiev. La polizia ucraina ha avviato un’indagine per omicidio, si sospetta un intervento del KGB (si chiama ancora così) bielorusso. Mentre continua la fuga dal Paese di atleti e oppositori. 

    • GRANDE FRATELLO

    Hong Kong: sentenze "cinesi" e arresti politici

    Una serie di infausti provvedimenti giudiziari, a Hong Kong, fa capire chiaramente che aria tira nell’ex colonia britannica. È arrivata una prima condanna in base alla Legge sulla Sicurezza Nazionale, arrestato un uomo per aver fischiato contro l'inno cinese all'inizio delle Olimpiadi, è stato arrestato un cantante per aver cantato a un evento della campagna elettorale democratica. 

    • POST COMUNISMO

    Tokyo 2020 e guerra fredda, una defezione dalla Bielorussia

    Nelle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbiamo avuto anche l’occasione di rivivere le emozioni della Guerra Fredda. Un’atleta della repubblica ex sovietica della Bielorussia, la velocista Tsimanouskaya, ha defezionato in Polonia

    • SPONDA SUD

    Cosa dobbiamo attenderci dai disordini in Tunisia

    Dieci anni fa, dopo il rovesciamento del governo dell’ex presidente Ben Alì, dalla Tunisia era partita un'ondata migratoria enorme verso l'Italia. Ora, la destituzione del governo da parte del presidente Saied può dare origine a uno scontro molto duro. Cosa potrebbe accaderci?

    • GUERRA INFINITA

    Afghanistan, gli Usa se ne vanno. La Cina arriva

    Dopo il ritiro di Usa e Nato e la rapida avanzata dei Talebani, la “questione afghana” diventa prioritaria per Russia e Cina che rischiano di dover fare i conti con un Paese che potrebbe presto tornare in mano agli studenti coranici. Primi accordi a Tianjin fra il regime di Pechino e i Talebani.

    • CONTINENTE NERO

    Di nuovo il Biafra, la tragedia delle guerre di secessione

    In Africa, l'incapacità di superare le logiche tribali per formare una nazione porta a guerre di secessione, tuttora molto frequenti. Il Biafra, che proclamò la sua secessione nel 1967, fu poi vittima della prima tragedia umanitaria africana dopo tre anni di guerra. Ora si torna a parlare di Biafra con il processo Ndami Kanu, leader secessionista.

    • RITIRO DELLA NATO

    L'Afghanistan abbandonato nelle mani dei Talebani

    Da quando è iniziato il ritiro degli Stati Uniti e di tutti i contingenti della Nato, in maggio, i Talebani sono tornati all'offensiva. In questi tre mesi hanno conquistato la metà dei distretti afghani e quasi tutti i valichi di frontiera. Kandahar è sul punto di cadere e di trasformarsi nella capitale provvisoria del loro Emirato. 

    • NORDAFRICA

    Scontri violenti in Tunisia, rischio guerra civile

    Il presidente Saied sospende il Parlamento e liquida il primo ministro Mechichi dopo le violente proteste di domenica originate dalla malagestione della pandemia da parte del governo. Ma dietro le decisioni del presidente c'è l'intenzione di fermare l'espansionismo dei Fratelli Musulmani, la minaccia più grave per le democrazie fragili del Nordafrica. E l'Europa e l'Italia sono chiamate a schierarsi per evitare la guerra civile e ulteriori flussi migratori verso le nostre coste.