Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Beata Vergine Maria del Monte Carmelo a cura di Ermes Dovico

Politica


Cantiere del centrodestra: una torre di Babele
POLITICA

Cantiere del centrodestra: una torre di Babele

Non convince il "cantiere" aperto nel centrodestra per resettare il passato e ricostruire un futuro. Partiti così diversi potrebbero mai costruire qualcosa di duraturo? Solo se trovano un minimo comun denominatore. Che non c'è.


Europee, l'Italia va contromano
POST-ELEZIONI

Europee, l'Italia va contromano

Politica 28_05_2014

L'Europa va a destra, ad eccezione di Italia e Grecia; nessun astensionismo record; Renzi vince per mancanza di avversari. Sul Pd sono convogliati molti voti del centro-destra, per paura di una vittoria dei giacobini Grillo e Casaleggio.


Rai: o si riforma o si privatizza
TV

Rai: o si riforma o si privatizza

Uno spot in circolazione per convincere a pagare il canone, esalta la quantità della programmazione Rai a fronte di un costo bassissimo. Ma evita il discoso sulla qualità dei programmi. Il problema sta nella governance, che richiede una grande riforma.


Si scrive "mini-naja", si legge clientelismo
DIFESA

Si scrive "mini-naja", si legge clientelismo

Politica 20_05_2014

Mentre continuano i tagli al budget della Difesa, il governo Renzi propone la mini-naja: qualche mese di servizio militare o civile per giovani che non trovano lavoro. Ha senso? Sì, solo se si legge questa proposta in un'ottica clientelare.


ELEZIONI EUROPEE

Due Manifesti per costruire

Politica 19_05_2014

Sono ancora pochi i candidati italiani alle Elezioni Europee che hanno firmato i due manifesti per ricostruire l'Europa: quello della Fondazione Novae Terrae e quello della FAFCE. Ma anche la lobby gay sta facendo firmare un manifesto. Ecco una guida.


Le Europee e la valanga giudiziaria che verrà
PREVISIONI

Le Europee e la valanga giudiziaria che verrà

A una settimana dal voto, i sondaggi ufficiosi rivelano che Grillo, anche a seguito delle inchieste su Expo e Matacena, potrebbe fare bottino pieno e contendere il primato al Pd. Una valanga giudiziaria porterebbe al cambio di governo.


Le leggi sessantottine che disgregano la società
DROGA E FAMIGLIA

Le leggi sessantottine che disgregano la società

C'è una sostanziale liberalizzazione della droga, si procede verso il divorzio breve, si marcia verso la legge contro l'omofobia. Perché tutto così in fretta?

Giovanardi: ma sulla droga la legge è buona. L'intervento in Senato


L'intervento in Senato di Carlo Giovanardi
DL DROGA

L'intervento in Senato di Carlo Giovanardi

Il senatore Carlo Giovanardi difende la legge che porta il suo nome e che, fino a febbraio, regolava l'uso e lo spaccio di droga. Contrariamente ai luoghi comuni, non si trattava di una legge liberticida e non ha riempito le carceri di drogati.


Internet, il diritto ad essere dimenticati
GOOGLE

Internet, il diritto ad essere dimenticati

Un cittadino spagnolo vince la causa contro Google alla Corte di Giustizia dell'Ue. Le informazioni non più attuali che lo riguardano dovranno essere rimosse dal motore di ricerca. È un precedente importante per salvare la privacy.


Come stanno legalizzando
la droga senza discutere
PARLAMENTO

Come stanno legalizzando la droga senza discutere

La sentenza della Corte Costituzionale di febbraio e il decreto di marzo, pronto a essere trasformato in legge, depenalizzano l'uso "personale" di droga, di fatto rendono legale anche il suo spaccio. Il tutto senza un vero dibattito parlamentare. 


La Libia ricatta l'Italia con l'arma degli immigrati
MARE NOSTRUM

La Libia ricatta l'Italia con l'arma degli immigrati

Politica 12_05_2014

Il luogo comune terzomondista vuole che la Libia non sia più in grado di gestire il flusso di emigranti. Ma in realtà, stando alle dichiarazioni del ministro libico degli Interni, la Libia ci sta deliberatamente ricattando.


La verità interiore di Giulio Andreotti
SCRITTI INEDITI

La verità interiore di Giulio Andreotti

A un anno dalla morte dello statista democristiano la famiglia Andreotti ha diffuso suoi scritti privati e inediti del 1978 (Aldo Moro) e tra il 1994 e il 2005 (gli anni dei processi). Ne esce una figura solare, ben lontana dagli stereotipi.