Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santi Nabore e Felice a cura di Ermes Dovico

Libertà religiosa


L'Equality Act di Biden comincia già a discriminare
FOLLIA AL POTERE

L'Equality Act di Biden comincia già a discriminare

Mentre prosegue l’iter dell’Equality Act, la Geneseo University (NY) ha già sospeso un suo alunno per aver detto che “i maschi sono maschi e le femmine sono femmine”. Il caso ha generato violenza. Un deputato ha infatti chiarito: "La confusione di genere è un rifiuto del buon disegno di Dio. Ogni volta che le leggi non riflettono le Sue norme, una nazione è in ribellione contro di Lui e ne subirà le conseguenze”.


No alle processioni, ma i raduni femministi si faranno
SPAGNA E COVID

No alle processioni, ma i raduni femministi si faranno

Il delegato del Governo per Madrid ha deciso di autorizzare le manifestazioni dell'8 marzo per poi bloccarle. Le femministe scenderanno comunque in piazza sostenute da ministri e partiti. Addirittura l’epidemiologo Simon afferma che "il modo di relazionarsi cambia a seconda del motivo per cui ci si riunisce… Non è la stessa cosa essere in una processione con statue e crocifissi pesanti o in una di 500 donne”. 


Biden (non Trump) può strumentalizzare la fede
IPOCRITAMENTE CORRETTO

Biden (non Trump) può strumentalizzare la fede

Biden che mostra il suo rosario, in occasione del suo incontro con il presidente messicano, non fa scandalo. Il cardinale Gregory (Washington), durissimo contro la "strumentalizzazione" della religione di Trump, con Biden tace. Nonostante sia abortista. I vescovi messicani si sono mostrati già più attenti. Già che Biden parlava della devozione alla Vergine di Guadalupe, pregano perché ne sia illuminato.


Covid: protestanti vs Stato “salvano” la cattolicità
VERO ECUMENISMO

Covid: protestanti vs Stato “salvano” la cattolicità

La battaglia di centinaia di chiese riformate canadesi contro il despota che limita la libertà religiosa e di culto si fonda su assunti fortemente cattolici che la Chiesa di Pietro non ama più menzionare. Si va dai princìpi non negoziabili, al bisogno della carnalità di Cristo, alla presenza pubblica della fede, alla missione di salvezza delle anime, al pagare anche con il carcere l’appartenenza a Dio, fino al bisogno di unità per non cedere al ricatto.


Amazon rimuove il libro sul transessualismo di Anderson
LE PURGHE CONTINUANO

Amazon rimuove il libro sul transessualismo di Anderson

La multinazionale di Bezos ha deciso di censurare When Harry Became Sally: Responding to the Transgender Moment, un libro di Ryan T. Anderson, studioso passato da Princeton e con un dottorato all’Università di Notre Dame. La sua colpa è di dimostrare che la spinta al transessualismo è più politica che scientifica. Ma il pericolo per la democrazia non era Trump?


Messe stop, dai sindaci la nuova sfida. E la Chiesa dà l'ok
VERSO NUOVI ABUSI

Messe stop, dai sindaci la nuova sfida. E la Chiesa dà l'ok

I sindaci molisani di Agnone e Termoli lanciano una nuova offensiva al culto pubblico: messe sospese, anche solo a fronte di 23 nuovi casi positivi. Un'ordinanza che non ha alcuna ragione d'essere e che mostra diversi illeciti. Ma che la Chiesa è già pronta ad accettare supinamente: «La salute al primo posto, noi non c'entriamo», dicono parroco e vicario senza mostrare il minimo interesse. Ma così si armano le amministrazioni comunali che dilagheranno nel decidere arbitrariamente sulla libertas Ecclesiae a fronte di un rischio sanitario tutto da dimostrare.
- COSI' I FEDELI RESTANO SENZA DIFESA di Giacomo Rocchi
- UN'ALTRA PASQUA SACRIFICATA SULL'ALTARE DEL COVID, di Riccardo Cascioli


Messe stop e Vescovi inermi: fedeli senza difesa
L'ANALISI DELL'ORDINANZA

Messe stop e Vescovi inermi: fedeli senza difesa

L'ordinanza di Agnone che vieta le Messe: la mancata reazione dei Vescovi e la carente motivazione del provvedimento sono connesse tra loro: se non c’è nessuna reazione a provvedimenti di questo genere, i fedeli sono nelle mani dei Sindaci (o del Presidente del Consiglio a livello nazionale, o del Presidente della Regione a livello regionale), senza alcuna difesa.


Adesso l'Onu scheda chi si oppone all'ideologia Lgbt
DIRITTI UMANI

Adesso l'Onu scheda chi si oppone all'ideologia Lgbt

Dall'Alto Commissariato dell'Onu per i Diritti Umani è partita una richiesta a tutti gli Stati di indicare soggetti e organizzazioni che si oppongono all'affermazione dell'ideologia di genere, con riferimento preciso all'ostacolo posto dalle religioni. Un vero e proprio esercizio di schedatura. E in Europa ci pensa l'ILGA, la più potente organizzazione Lgbt, a dare le pagelle agli Stati per fare pressione per imporre un'unica legislazione europea in materia di ideologia di genere. È il nuovo totalitarismo che avanza.


Islamo-gauchisme, alleanza fra sinistra ed... Erdogan
FRANCIA

Islamo-gauchisme, alleanza fra sinistra ed... Erdogan

In Francia si è aperta la sfida contro la radicalizzazione islamica nelle scuole e nelle università. È alimentata soprattutto dall'alleanza fra i sindacati studenteschi di estrema sinistra e organizzazioni vicine ai Fratelli Musulmani. Nel campo islamico, a far la parte del leone, è la Turchia di Erdogan che investe molto sull'istruzione di nuove leve in Occidente.


Scozia: legge sulla blasfemia impone il dogma Lgbt
LE PROTESTE

Scozia: legge sulla blasfemia impone il dogma Lgbt

Il governo ha introdotto nel testo di legge sulla blasfemia una pena detentiva massima di 7 anni per chiunque fomenti l’odio. La norma è così ambigua ed eccessiva che è riuscita a unire oppositori distanti tra loro: si va dalla Chiesa cattolica, alle femministe, fino alla National Secular Society (massoni). Ma il potere della lobby Lgbt tiene in mano l'esecutivo.


La Chiesa tedesca riprende il sogno di Lutero
ARIA DI SCISMA

La Chiesa tedesca riprende il sogno di Lutero

L'atteggiamento arrogante dei vescovi della Germania, che con il Sinodo in corso rischiano di provocare uno strappo con Roma, affonda le radici in vecchie rivendicazioni di libertà, ma senza verità.


Tilt a sinistra: una laicista minacciata dai jihadisti
CASO NADIA GEERTS

Tilt a sinistra: una laicista minacciata dai jihadisti

Nadia Geerts, docente di filosofia di Bruxelles, atea militante e laicista radicale, ha scritto sulla rivista Marianne un articolo di solidarietà intellettuale con Samuel Paty, il professore di storia decapitato dagli islamisti in Francia per aver mostrato in aula le vignette su Maometto. Adesso, però, lei stessa è minacciata. Con chi starà la sinistra? Il Belgio multiculturale la difenderà?