Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Rita da Cascia a cura di Ermes Dovico
Realtà vs distopia

Il caso Rowling e la resistenza all’ideologia trans

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’autrice di Harry Potter sfida la legge scozzese sui “crimini d’odio”, che include i trans tra le categorie protette minacciando la libertà (e la correttezza) di espressione. La polizia per ora non la persegue, ma la guerra tra realtà e ideologia continua.

Editoriali 04_04_2024

L'acclamata autrice di Harry Potter, J.K. Rowling, ha scatenato polemiche sfidando la legge anti-discriminazione entrata in vigore in Scozia lo scorso 1 aprile e già descritta sulla Nuova Bussola. Alla fine la scrittrice ha vinto la battaglia, ma la guerra sarà ancora lunga. Il testo della legge vieta e punisce gli atti che «fomentano l'odio contro un gruppo di persone» con determinate caratteristiche protette, tra cui l'età, la disabilità, la religione, l'orientamento sessuale, l'identità transgender. La pena massima è una pena detentiva di sette anni.

La mattina in cui la legge è entrata in vigore, il ministro scozzese per le vittime e la sicurezza della comunità ha ammesso in un'intervista che il misgendering – cioè il riferirsi a una persona transgender con un nome o un pronome che corrisponde al suo sesso biologico e non a quello desiderato/percepito dalla persona stessa – potrebbe portare a un'indagine della polizia. Forti le critiche da parte della Rowling, dal 2019 impegnata a difendere pubblicamente la distinzione sessuale naturale e la natura femminile in particolare, soggetta agli abusi del transgenderismo maschile (cioè di maschi che si dichiarano femmine) e in generale dell’ideologia gender.

La “mamma” di Harry Potter ha sollevato critiche sulla piattaforma di social media X (ex Twitter), sostenendo che l'attuazione di questa legge non garantirà protezioni adeguate alle donne, ma includerà invece gli attivisti trans in una categoria protetta. La Rowling ha scritto che se le sue affermazioni, nelle quali da sempre chiama con il proprio nome i maschi e le femmine, fossero configurabili come reato «secondo i termini della nuova legge», lei è pronta ad «essere arrestata» al rientro nel suo paese, ironicamente chiamato «luogo di nascita dell'Illuminismo scozzese».

Inoltre, l'autrice ha sottolineato la sua convinzione che «la libertà di espressione sta volgendo al termine in Scozia», rivelando la sua profonda preoccupazione per le implicazioni di questa legislazione sulla società scozzese. Dichiarazioni che sono una sfida aperta alle folli previsioni, censure e penalizzazioni imposte dalla legge sui crimini d’odio, fortemente voluta dal primo ministro scozzese Humza Yousaf, musulmano, e dal suo partito, l’Snp (Partito nazionale scozzese), che i sondaggi danno in caduta libera di 20 punti percentuali.

La battaglia per la libertà è stata stavolta parzialmente vinta dalla Rowling; infatti, la rete radiotelevisiva pubblica BBC ha riferito martedì 2 aprile la notizia, poi ripresa da moltissimi mass media di tutto il mondo, che «i commenti sui social media fatti da J.K. Rowling che sfidano la nuova legge scozzese sui crimini d'odio non vengono trattati come criminali» dalla polizia. L’autrice di Harry Potter ha salutato con favore la decisione, confidando che «ogni donna in Scozia che desideri parlare della realtà e dell'importanza del sesso biologico sarà rassicurata da questo annuncio, e confido che tutte le donne, indipendentemente dal profilo o dai mezzi finanziari, saranno trattate allo stesso modo davanti alla legge».

A coloro che hanno ipotizzato che la polizia sia stata indulgente con lei, la stessa Rowling ha promesso che, qualora polizia e magistratura scozzesi dovessero perseguire «una donna per aver semplicemente chiamato uomo un uomo», lei stessa ripeterà le medesime parole per poter essere accusata «contemporaneamente». La decisione della polizia preannuncia almeno una certa misura di libertà nei tweet sotto il nuovo regime, ma non esclude la criminalizzazione in altri casi (come omelie in luoghi di culto, dibattiti scolastici, semplici affermazioni in birreria, eccetera).

La verità è che, con la nuova legge, la polizia scozzese viene trasformata in un’agenzia di “cacciatori di taglie”, dove i ricercati sono tutti coloro che difendono la natura umana, la biologia e la ragione, oltre agli insegnamenti biblici. Il primo ministro inglese Rishi Sunak ha sostenuto direttamente la sfida della Rowling alla polizia scozzese contro gli abusi del transgenderismo; ma al momento tutte le leggi britanniche che limitano la libertà di parola sulla sessualità biologica e, in alcuni casi, la libertà di religione e gli insegnamenti biblici, rimangono in vigore.



Le nuove norme

Crimini d’odio, in Scozia lo Stato di polizia Lgbt

26_03_2024 Luca Volontè

Dopo il pressing delle lobby Lgbt, l’1 aprile entreranno in vigore le nuove norme scozzesi contro i cosiddetti “crimini d’odio”. Chi difende la natura maschile-femminile e il matrimonio rischia in pratica una condanna fino a sette anni di carcere.

IL FENOMENO

La Rowling, la dittatura trans e la rivoluzione della lingua

La scrittrice britannica sostiene economicamente un’associazione femminista impegnata in una causa per dire che solo le donne sono donne. Un’ovvietà che oggi si cerca di far dimenticare, stravolgendo lingua e dizionari. Come fa l’Eige.

IL CASO

Se anche la Rowling finisce nel tritacarne “trans”

Tiene banco lo psicodramma che contrappone J.K. Rowling agli attivisti transessuali. Sebbene sostenga buona parte delle rivendicazioni Lgbt, l’inventrice di Harry Potter sta ricevendo una gran quantità di insulti (prostituta, strega e, addirittura, Terf…) perché convinta di una tesi lapalissiana: se sei nato maschio non puoi diventare donna. Contro di lei si è scagliata perfino l’Onu, segno che la realtà è sempre più calpestata.