Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Giovanni Battista de’ Rossi a cura di Ermes Dovico
Non è andato tutto bene

Fate vedere questo film ai parlamentari della Commissione Covid

Ascolta la versione audio dell'articolo

Sono iniziate le proiezioni di "Non è andato tutto bene", il film di Paolo Cassina che racconta bugie e interessi celati dietro la gestione pandemica e l'imposizione di misure liberticide. Le storie dei morti senza cure e dei danneggiati da vaccino inascoltati. Un punto di partenza per la Commissione Covid che si sta insediando.

Attualità 10_04_2024

Questo è il suggerimento della Bussola per i futuri componenti la neonata Commissione bicamerale Covid. Lo sappiamo che non è ancora partita, perché il Pd sta facendo ostruzionismo e non ha ancora designato i suoi membri, che si stanno nominando in queste ore, ma noi un consiglio ve lo diamo già: alla prima seduta guardate questo film. Vi sarà utile per orientarvi nel lungo lavoro che vi attende.

Si tratta di Non è andato tutto bene, scritto e diretto dal regista Paolo Cassina e prodotto da Play Master Movie, in programmazione in questi giorni in diverse città italiane (QUI il trailer, leggi QUI la locandina, QUI l’intervista della Bussola).

Un concentrato altamente analitico, di storie e dati, sulla terribile stagione pandemica, dai lockdown ai green pass fino alla tragedia dei danneggiati da vaccino, raccontato dalla voce di persone in carne ed ossa che hanno vissuto l’altra faccia della medaglia di una narrazione fatta di arcobaleni sul balcone, canti dal tetto e imposizioni. Una narrazione diversa da quella che è stata ossessivamente imposta dai media, meno edulcorata e più critica.

2 ore e 55 minuti di proiezione, ma ne vale la pena, dieci minuti in più di Scarface che in questi giorni è tornato nelle sale per festeggiare il 40esimo dall’uscita al cinema, ma molto meno lungo di C’era una volta in America. Dunque, assolutamente sostenibile nell’economia della prima seduta dei lavori.

Quello di Non è andato tutto bene è un vero e proprio documento di cinematografia indipendente creato con l’intento di raccontare la verità sulla pandemia senza interessi politico-mediatici e che si pone in continuità con il primo lavoro di Cassina di questo tipo, quell’Invisibili che è stato proiettato con un successo di pubblico davvero incredibile nel corso dei due anni passati.

Ecco, dunque, un ottimo strumento per deputati e senatori che faranno parte della Bicamerale covid per conoscere il problema che si troveranno ad affrontare e soprattutto avere già in formato video una traccia delle tante cose che nel corso della stagione pandemista non sono andate – appunto – per niente bene. A cominciare dalla dittatura sanitaria che ha portato milioni di italiani a vaccinarsi controvoglia e a subire effetti avversi permanenti e invalidanti.

Nello scorso week end si sono svolte le prime proiezioni (a Milano e Bologna) e la Bussola – che compare varie volte con strappi di alcuni nostri articoli - è andata a vedere il film.

C’è davvero tutto: dalle discusse origini del virus alle illogicità del lockdown, l’uso dei decreti ministeriali, i provvedimenti coercitivi e contradditori, l’estenuante obbligo delle mascherine, le chiese chiuse, i funerali negati. E i canti dai balconi.

Ma è andato davvero tutto bene?, si chiede Cassina attraverso le voci narranti di questo lungo viaggio negli abissi della pandemia, affidato alle giornaliste Tiziana Alterio, Angela Camuso e Marianna Canè. No, non è andato tutto bene e Cassina lo fa dire a chi dalla stagione pandemista ci ha rimesso maggiormente: come ad esempio i negozianti che, accumulati i debiti, hanno dovuto chiudere.

Scorrono nel corso dei minuti i dati sul fallimento dei lockdown, certificati dall’esperienza della Svezia, l’inaffidabilità dei tamponi e delle mascherine con dati incontrovertibili, l’anomalia italiana dove si sono registrati più morti di tutti in Europa in rapporto alla popolazione. Si inquadra così quello che è stata la pandemia: un gigantesco problema di malasanità unito a misure irrazionali e liberticide per deprimere la popolazione e le attività economiche.

Lo abbiamo scritto diverse volte, ma il film sintetizza, contestualizza, dà un quadro esaustivo e rapido dell’enormità che è stata la pandemia con lo sguardo critico di chi non ha bevuto soltanto lo “sciroppo” delle fonti istituzionali. C’è, un aspetto importante che colpisce di questa pellicola: non ci sono politici, né autorità, né istituzioni che commentano questo o quell’episodio. Tutto è raccontato partendo dalla carne viva di vittime, chi del vaccino, chi delle mancate cure, chi delle limitazioni liberticide e hanno perso il lavoro.

Tutto è documentato, a cominciare dai numeri falsati nel conteggio dei morti per arrivare al folle protocollo Tachipirina e vigile attesa («un’espressione che non esiste in medicina», commenta il dottor Andrea Stramezzi), con preziose testimonianze di medici rianimatori come Stefano Manera che hanno confermato che la maggior parte dei pazienti arrivava in ospedale troppo tardi, o comunque perché non era stata adeguatamente curata a casa.

E poi il grande e inconfessato interesse dietro la somministrazione dei vaccini con la presenza della finanza speculativa dietro Big Pharma che orienta il profitto e non la salute, come spiega Tiziana Alterio nel suo libro “Il dio vaccino”.

Paura, terrore, monopensiero, una visione monocorde, ma le immagini delle grandi manifestazioni anti-green pass impressionano per i numeri sempre taciuti o minimizzati dalla grande stampa, lautamente pagata dallo Stato (è documentato anche questo) per diffondere il verbo vaccinista.

Verbo che è ancora dominante e stride con la commovente carrellata di danneggiati che raccontano i loro drammi, a cominciare da Federica Angelini, prima danneggiata uscita allo scoperto e fondatrice del Comitato Ascoltami. É lei che venne raggiunta dalla Bussola che, per prima, raccolse il suo disperato grido d’allarme ed è lei che poco dopo finì intervistata da Marianna Canè di Fuori dal Coro, prima giornalista di una trasmissione tv nazionale a dare voce ai danneggiati da vaccino e autrice dell’inchiesta Aifaleaks sugli insabbiamenti e le omissioni di Aifa e del ministro Roberto Speranza sull’inefficacia vaccinale e l’insicurezza.

Storie, ancora storie e testimonianze pubbliche di cittadini in carne ed ossa, esseri umani, che si sono fidati dello Stato e oggi pagano il prezzo più alto di questa follia, ma restano dimenticati e ingiuriati ancora oggi.

Dopo quattro anni, c’è chi si chiede se sia ancora necessario parlare di questi fatti. Ieri il Corriere, riportando un’analisi dell’Economist ha scritto: «Emerge che i vaccini, che pure hanno fatto vittime, nel complesso hanno difeso la popolazione da conseguenze molto peggiori». Una visione utilitaristica e eugenetica che tende ad archiviare la tragedia dei danneggiati, morti o resi invalidi, come un fisiologico effetto collaterale.

Sì, evidentemente, con articoli come questo, c’è ancora bisogno di parlare di questi drammatici fatti.



la sentenza

«Speranza eseguiva gli ordini». Scaricabarile di Stato sui danneggiati

06_04_2024 Andrea Zambrano

Nelle motivazioni del Tribunale dei Ministri sull'archiviazione della denuncia contro Speranza e Aifa, non si negano effetti avversi e danneggiati, ma si dice che l'ex ministro non ha colpe perché c'era stato il via libera di Oms, Ema e Fda. Uno scaricabarile di Stato che regala l'impunità a chi ha gestito la campagna vaccinale anti-Covid.

l'intervista

«Da Meloni parole importanti su noi danneggiati, ora incontrateci»

03_04_2024 Andrea Zambrano

Meloni e Schillaci ammettono gli effetti avversi da vaccino e promettono una commissione scientifica. La Bussola intervista Federica Angelini, fondatrice del Comitato Ascoltami che riunisce 5000 danneggiati: «Parole importanti, ora Schillaci ci riceva. Abbiamo molto materiale e chiediamo cure: siamo allo stremo». 
- Pfizergate, von der Leyen trema, di Luca Volontè

il retroscena

Green pass permanente, l'imboscata del deep state sanitario

07_03_2024 Andrea Zambrano

Dietro il green pass permanente inserito nel Pnrr, non c'è una volontà politica, ma la pressione del deep state dei funzionari della Salute, prono a Ue e Oms. Il ministro Schillaci, che è un tecnico, l'ha tolto, ma solo dopo che politici della maggioranza (Borghi e Gemmato) hanno svelato l'imboscata.

pandemia

Addio green pass, ma restano sul campo i danneggiati

15_12_2022 Andrea Zambrano

Con l'eliminazione del green pass da ospedali e Rsa la pandemia si può dire finalmente archiviata e la "guerra" finita. Ma restano sul campo i feriti: sono i danneggiati da vaccino che da tempo chiedono ascolto e cure. E ora vogliono far parte della futura commissione parlamentare Covid. 

IL VACCINO NON FERMA IL VIRUS

L'ammissione di Pfizer rende carta straccia il green pass

13_10_2022 Luca Volontè

L'ammissione della Pfizer ai parlamentari europei, che il vaccino non è stato testato per prevenire la trasmissione, elimina l'intera base legale del passaporto Covid. Una bugia che ha discriminato milioni di persone, ne ha illuse centinaia di milioni e che era fondata sugli interessi sleali del profitto.
- BELLAVITE: «I SENATORI SAPEVANO», di Andrea Zambrano 
- VIDEO - TRATTATI COME CAVIE, E LA STAMPA DI REGIME TACE, di Riccardo Cascioli

ASSOLTI CONTE E SPERANZA

Ammissione-beffa dei giudici: lockdown inutili e dannosi

13_06_2023 Andrea Zambrano

La sconcertante ammissione del tribunale dei ministri che ha archiviato le accuse di epidemia colposa a carico di Conte e Speranza: "Non c'è nesso di causa tra zone rosse e vite salvate" e "lockdown dannosi per diritti costituzionali e economia". Eppure la pandemia è stata costruita su questi presupposti falsi che solo ora, per comodità, si contestano. 

DOMANI LA MANIFESTAZIONE

Il dramma dei danneggiati sfila davanti alla Procura

11_01_2024 Andrea Zambrano

Domani a Roma la manifestazione promossa dal Comitato Ascoltami e Osa Polizia per chiedere verità e giustizia sull'inchiesta che vede coinvolti Speranza e Magrini (ex Aifa). Molte le testimonianze di danneggiati e mamme coraggio di ragazzi morti improvvisamente dopo il vaccino anti-Covid. Ci sarà anche la Bussola che modererà gli interventi. 

nasce la commissione covid

Vaccini, lockdown e cure: sfida a due anni di pandemia

14_04_2023 Andrea Zambrano

Nel testo approvato dalla Camera che istituisce la Commissione Covid si indagherà anche sugli effetti avversi del vaccino, sulle mancate cure domiciliari e sulla legittimità costituzionale dei lockdown. Avrà lo stesso potere delle Procure e potrà acquisire dati e informazioni scomode sull'occultamento delle reazioni avverse, come il caso Aifa leaks sta delineando. Il raggio d'azione fa ben sperare. Ora la volontà di riuscita è tutta politica perché dipenderà da chi si deciderà di ascoltare.

LE INCHIESTE

Lockdown, una decisione politica e non scientifica

07_03_2023 Stefano Magni

Cosa si dicevano, fra loro, i membri del governo durante la pandemia di Covid-19, quando ci venne ordinato di stare a casa? Parlavano di scelte politiche, anche se scientificamente dubbie o apertamente sbagliate. È ciò che emerge dalle conversazioni "private" in Italia e nel Regno Unito. 

l'inchiesta di bergamo

Processo al Covid, ma lockdown e politici sono già "salvi"

03_03_2023 Andrea Zambrano

L'inchiesta di Bergamo sui morti in Val Seriana solleva più di un interrogativo tanto che lo stesso procuratore ammette la difficoltà nel riconoscere il reato di epidemia colposa e dice: «Non accusiamo nessuno». La tesi che i morti si sarebbero potuti evitare è affidata ad un modello matematico di Crisanti, mentre è completamente assente ogni analisi sull'assenza di cure precoci, che si sono dimostrate vincenti sul campo. Gli stessi politici sotto indagine saranno però "riabilitati" grazie al lockdown successivo, unico imputato che non finirà alla sbarra. 
- VIDEO: UN'INDAGINE CHE NON CI PIACE, di Riccardo Cascioli

il caso di fermo

Evviva i medici che curano a casa, ma in pandemia erano stregoni

19_03_2024 Andrea Zambrano

Il medico ospedaliero che ha salvato a casa la paziente, viene trattato da eroe perché è andato fuori dall'ordinario. Ma quanti camici bianchi sono stati perseguitati perché non hanno seguito il protocollo Tachipirina e vigile attesa?

scenari

Verso la prossima pandemia: lo strano asse Onu-Vaticano

27_09_2023 Paolo Gulisano

Errori e successi nella gestione della pandemia e una fede cieca nei vaccini. Onu e Vaticano in piena sintonia si ritrovano alleati in vista della prossima pandemia che viene data per certa. 

CONTI CHE NON TORNANO

La pandemia sulla pandemia: 50mila vittime (non Covid) inspiegabili

In Italia, nei tre anni di pandemia, ci sono stati molti più morti rispetto a quelli conteggiati dall'ISS come vittime del Covid-19. Ci sono almeno 50mila persone che sono morte per altre cause. Una specie di pandemia sulla pandemia. E dai dati risulta anche che il vaccino non abbia fatto il suo dovere. 

L'ANALISI

Vaccini, pandemia, totalitarismo: un piano studiato

26_10_2022 Paolo Bellavite

Un programma di forte stampo totalitario e tecnocratico è stato concepito in Occidente per affrontare le nuove “sfide” del mondo globalizzato. Dalla cultura dei vaccini del 2014 alla pandemia fino all'imposizione del Green pass. Ecco come le élite globaliste stanno incarnando il "Padrone del mondo" con il Grande Reset. E come l'obiettivo - insegna San Giovanni Paolo II - sia sempre la negazione della dignità della persona umana. 

archiviata la denuncia

Nuovo schiaffo ai danneggiati: Speranza non sarà indagato

05_04_2024 Andrea Zambrano

Mentre la Procura europea indaga sullo scandalo Pfizergate della von der Leyen, il Tribunale dei ministri archivia la denuncia presentata dal Comitato Ascoltami per indagare Speranza su gravissimi reati a seguito degli Aifa-leaks sui vaccini anti-Covid. Gli avvocati: «Così muore la giustizia». 

la manifestazione di ascoltami

Danneggiati contro Speranza sotto gli occhi della Procura

13_01_2024 Andrea Zambrano

Oltre 300 (erano previsti in 100) al sit-in davanti alla Procura per chiedere di non archiviare l'inchiesta sui vaccini anti-Covid che vede accusati Speranza e l'ex Aifa Magrini. Sotto le finestre del procuratore sfila il dolore di invalidi e madri senza più figli che chiedono ascolto, cure e giustizia.