Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Rita da Cascia a cura di Ermes Dovico

Venezuela


Venezuela: disastri petroliferi e silenzi complici
AMBIENTALISMO INTERESSATO

Venezuela: disastri petroliferi e silenzi complici

Mentre il mondo parla di emergenza ambientale in Venezuela lo scarico di petrolio prosegue da anni: colpisce 4 chilometri della costa dello Stato di Carabobo e 8 della costa di Falcón. Un’altra fuoriuscita ha prodotto una nuvola nera di oltre 20 chilometri e acque oleose per più di 4 chilometri quadrati (600 campi da calcio). Una catastrofe che avviene nel silenzio delle autorità nazionali e internazionali.


Di come Maduro ha ucciso la democrazia venezuelana
FINZIONE AL POTERE

Di come Maduro ha ucciso la democrazia venezuelana

Al di là delle svolte legali e degli atti simbolici, il regime mantiene ancora in ostaggio il popolo: non ci sono più spazi politici da conquistare democraticamente.


Se il gesuita "chavista" calunnia i venezuelani di ritorno
PRO MADURO

Se il gesuita "chavista" calunnia i venezuelani di ritorno

Padre Numa Molina ha definito “bioterroristi” gli emigranti venezuelani che, ormai senza lavoro, cercano di tornare in patria attraverso percorsi non autorizzati. Tutto nasce dalla tragica decisione di Maduro di chiudere le frontiere ai propri connazionali, nel dichiarato timore che gli altri Paesi li abbiano infettati deliberatamente… Diverse le reazioni indignate, tra cui quella del vescovo di San Cristobal che chiede a Molina - difensore del regime - di scusarsi.


Cresce in America Latina l’insofferenza nei confronti degli emigranti venezuelani
Crisi venezuelana

Cresce in America Latina l’insofferenza nei confronti degli emigranti venezuelani

Sono quasi cinque milioni i venezuelani all’estero. Mettono a dura prova i sistemi assistenziali e la disponibilità ad accogliere dei paesi latinoamericani. In aumento gli episodi di intolleranza


Socialisti uniti per destabilizzare l'America Latina
SCENARI

Socialisti uniti per destabilizzare l'America Latina

Forum di San Paolo e Gruppo di Puebla: da Cuba e Venezuela arriva la spinta a unire tutti i movimenti socialisti e rivoluzionari dell'America Latina per pilotare le proteste nei paesi guidati da governi di centrodestra, accusati di imperialismo. Cile, Ecuador, Colombia e Perù i Paesi che hanno già denunciato infiltrazioni dall'estero. La soddisfazione di Maduro: «Finora raggiunti tutti gli obiettivi».


I venezuelani fuggiti all’estero sono 4,5 milioni
America Latina e Caraibi

I venezuelani fuggiti all’estero sono 4,5 milioni

I paesi dell’America Latina e dei Caraibi ospitano l’80% dei venezuelani espatriati. Malgrado l’intervento di Oim e Unhcr, la loro capacità di accoglienza è ormai al limite


I venezuelani continuano a lasciare il paese tra crescenti difficoltà
Emergenza Venezuela

I venezuelani continuano a lasciare il paese tra crescenti difficoltà

Dal 26 agosto solo i venezuelani muniti di visto possono entrare in Ecuador, anche se in transito per raggiungere altre destinazioni. Il Perù ha adottato restrizioni agli ingressi già a giugno


Gli italiani in Venezuela restano senza ambasciatore
DIPLOMAZIA

Gli italiani in Venezuela restano senza ambasciatore

L'avvicendamento alla sede diplomatica di Caracas diventa un caso: per non riconoscere il governo decaduto di Maduro, Roma invia soltanto un incaricato d'affari, ma la numerosa comunità italiana in Venezuela è preoccupata e protesta.


Continua l’esodo dal Venezuela
Venezuela

Continua l’esodo dal Venezuela

Migrazioni 16_04_2019

Ogni giorno decine di migliaia di venezuelani entrano in Colombia,  chi per restarvi chi per poi dirigersi verso altri stati chi per rientrare a casa la sera dopo essersi procurato cibo o medicinali


I venezuelani richiedenti asilo sono ormai 414.000
Venezuela

I venezuelani richiedenti asilo sono ormai 414.000

 

I cittadini venezuelani in fuga dal loro paese devastato dalla crisi economica sono più di 3,4 milioni, un terzo circa dei quali hanno ottenuto asilo o permesso di soggiorno in altri stati sudamericani


È salito a 3,4 milioni il numero dei venezuelani all’estero
Venezuela

È salito a 3,4 milioni il numero dei venezuelani all’estero

Nel 2018 in media hanno lasciato il Venezuela 5.000 persone al giorno. Un rapporto congiunto Unhcr e Oim presentato il 22 febbraio fa il punto della situazione


Sono tre milioni i venezuelani che hanno lasciato il loro paese devastato da una crisi economica senza precedenti
Venezuela

Sono tre milioni i venezuelani che hanno lasciato il loro paese devastato da una crisi economica senza precedenti

Per far fronte all’esodo dei venezuelani che cercano scampo emigrando occorre un piano umanitario regionale che coordini le iniziative degli stati in cui gli emigranti si concentrano

 

Sono ormai tre milioni i venezuelani emigrati all’estero, spinti dalla drammatica situazione economica e sociale creatasi nel loro paese. Lo hanno annunciato Oim e Unhcr l’8 novembre facendo il punto su una crisi umanitaria sempre più drammatica che coinvolge i paesi dell’America Latina e della zona Caraibica che ospitano circa 2,4 milioni di emigranti e rifugiati. “I paesi latino americani e caraibici hanno mantenuto una lodevole politica di porte aperte – spiega Eduardo Stein, rappresentante dell’Unhcr per i venezuelani – ma la loro capacità di accoglienza è messa a dura prova e occorre una rapida risposta da parte della comunità internazionale”. I governi della regione hanno avviato un programma coordinato di interventi, noto come Quito Process. A settembre è stata creata la Regional Inter-Agency Coordination Platform alla quale hanno aderito 40 partner, tra cui le agenzie Onu, altri organismi internazionali, rappresentanti della società civile e organizzazioni religiose. A dicembre è previsto l’avvio di un Piano umanitario regionale per rifugiati ed emigranti dal Venezuela. Il paese il con il maggior numero di emigranti venezuelani è la Colombia che attualmente ne ospita più di un milione. Segue il Perù, con più di mezzo milione, l’Ecuador, con oltre 220.000, l’Argentina con 130.000, il Cile con più di 100.000 e il Brasile con 85.000.