Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Brigida di Svezia a cura di Ermes Dovico
politically correct

Il Credo postmoderno che ha sostituito quello della Chiesa

Ascolta la versione audio dell'articolo

Anche la contemporaneità ha i suoi dogmi (umanisti, ambientalisti, ecc.) così intangibili che li si può elencare come una professione di fede. Perché anche il laicismo, in fin dei conti, è una religione.

Editoriali 20_09_2023

Il Credo della Chiesa cattolica è stato sostituito da tempo da un credo postmoderno tutto fatto di umanesimo, ambientalismo e teoria del gender. I nostri contemporanei odiano il politicamente corretto, ma alla fine si conformano ad esso. Senza intenti blasfemi è facile allora tradurre il Credo della Chiesa nel Credo modernista professato da molti.

Credo solo nell’Uomo,
essere onnipotente,
creatore del bene e del male,
di tutte le cose condivisibili e non condivisibili.

Credo in un solo Signore, l’Ambiente,
unigenito figlio del Creato,
nato dal Nulla prima di tutti i secoli:
pazzia da pazzia, paura da paura, bugia da bugia,
generato e non creato dalla stessa sostanza dell’ideologia;
per mezzo di lui tutte le cose sono state venerate.

Per noi uomini e per le nostra salvezza l’ecologia discese dal cielo,
e per opera dello Spirito del Concilio
si è incarnato nel seno della Chiesa
e si fece enciclica.

Fu inquinato sotto il biossido di carbonio,
non morì e fu esaltato.
Nel terzo millennio resuscitò,
secondo il mainstream, è salito all’ONU,
siede alla destra della Thunberg.

E di nuovo verrà, nella menzogna,
per giudicare chi ragiona e chi ha buon senso,
e il suo regno animale e vegetale non avrà fine.

Credo nella teoria del gender,
che è Tutto e dà senso a tutto,
e procede dal gay e dal trans.
Con il gay e il trans è adorata e glorificata,
e ha parlato per mezzo dei discriminati.

Credo la Chiesa,
molteplice, fragile, multireligiosa, fai da te
.
Professo un solo Sinodo,
per il condono dei peccati.
Aspetto la risurrezione del paganesimo,
e l’intelligenza artificiale che verrà.
Amen.



i membri

No global, contestatori e pro Lgbt: al Sinodo sfilano volti poco sinodali

08_07_2023 Nico Spuntoni

Sconcerto per la nomina, tra gli invitati speciali del Sinodo, del bestemmiatore Luca Casarini. Ma anche sul versante ecclesiale le cose non vanno meglio: gli attivisti della causa gay Martin, De Kesel e Inogés Sanz sono stati voluti personalmente da Bergoglio. E c'è anche il teologo Dianich, che firmò il documento di dissenso contro Ratzinger e san Giovanni Paolo II. 

il corpo rifiutato

L'acquamazione: ultima frontiera della sepoltura green

Ambientalisti anche da morti: persino la cremazione è ormai sorpassata, adesso il caro estinto viene messo direttamente a bollire. Diminuiscono le emissioni, ma anche il rispetto di corpi destinati a risorgere.

L’ANALISI

Il socialismo verde, il fine dell’ideologia green

17_12_2022 Maurizio Milano

I gruppi ecologisti chiedono un nuovo modello socioeconomico per “salvare il pianeta”. Volenti o nolenti, sono la cassa di risonanza delle élite, da Davos alla Commissione UE (Green Deal), all’Onu (Agenda 2030). Il catastrofismo è funzionale a un nuovo socialismo, che ha i tratti di una “religione civile” contraria alla vita e alla libertà, a danno di famiglie e ceti medi. L’ecologia è altro.