Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Giuseppe Moscati a cura di Ermes Dovico
L'INTERVISTA

Cardinale Zen: «Al Sinodo non verità di fede, ma psicologia»

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il 91enne porporato cinese ha pubblicato una lettera ai padri sinodali e un'analisi delle risposte del Papa ai Dubia (che ha firmato insieme agli altri 4 cardinali). Alla Bussola fa il punto sul clima sinodale, dove il "discernimento" sembra dettato piuttosto dalle emozioni.
- Se la pastorale cozza con la dottrina, tanto peggio per la dottrinadi Tommaso Scandroglio

Ecclesia 17_10_2023

Il cardinale Joseph Zen Ze-kiun, 91 anni, non ha bisogno di presentazioni. Di recente è stato tra i firmatari – insieme agli altri membri del sacro collegio Walter Brandmüller, Raymond Burke, Juan Sandoval Íñiguez, Robert Sarah – dei cinque Dubia al Papa su concetto di reinterpretazione della Divina Rivelazione, benedizione delle coppie omosessuali, struttura del Sinodo, ordinazione femminile e pentimento per l'assoluzione. In una recente analisi pubblicata sul suo sito personale, il vescovo emerito di Hong Kong ha messo in dubbio – evocando un'analoga citazione del cardinale Víctor Manuel Fernández – che la risposta ai loro quesiti sia stata effettivamente scritta da Francesco, ritenendola parte di quello che ha definito «l'arsenale che gli organizzatori del Sinodo, (...) avevano già preparato per rispondere ai disturbatori della loro agenda». Mentre ci si avvia alle ultime due settimane della prima sessione, La Nuova Bussola Quotidiana ha fatto il punto dei lavori sinodali con il cardinal Zen ed ha raccolto il suo punto di vista sul loro andamento fino ad oggi. 

Eminenza, Lei ha scritto una lettera per "mettere in guardia" i partecipanti al Sinodo. Ha avuto riscontri da qualcuno?
Mi dispiace dover rispondere negativamente a questa domanda. Non mi meraviglio, c’è lo stretto dovere del silenzio. Chi osa rischiare la pena di aver violato un “segreto pontificio"?

Come giudica la decisione di imporre il silenzio sulla composizione dei gruppi di lavoro e sui loro dibattiti?
Gli operatori di tenebre hanno paura della luce.

Tra i pochi contenuti filtrati, sappiamo ad esempio che il cardinal Jean-Claude Hollerich, relatore generale al Sinodo sulla sinodalità, ci ha tenuto a ribadire che «il Battesimo delle donne non è inferiore a quello degli uomini» chiedendo come si possa assicurare alle donne di sentirsi «parte integrante di questa Chiesa missionaria». Crede che le donne che hanno fatto e fanno parte integrante della Chiesa in questi millenni abbiano percepito questa inferiorità?
Dovrebbero andare a domandarlo a Santa Caterina di Siena, a Santa Teresa d’Avila, all’ebrea Edith Stein, convertita al cattolicesimo, diventata carmelitana e martirizzata dai nazisti. Domandino a tutte le mamme che hanno offerto i loro figli e le figlie al Signore ed alla Chiesa.
Durante i miei anni in Italia ho imparato un bell’inno alle mamme (Sua Eminenza ricorda il brano integralmente, ndr):

“Son tutte belle le mamme del mondo
quando un bimbo si stringono al cuor
sono immagine della Madonna
sono immagine della bontà…
e gli anni passano
i bimbi crescono, le mamme imbiancano,
ma non sfiorirà, la loro beltà.”

Non ho sentito un simile canto in onore dei papà. Sono le mamme che hanno il “potere” di plasmare sulle loro ginocchia le grandi personalità.

Nella discussione iniziata al Sinodo sulla questione LGBT, sembra che i ragionamenti dei padri sinodali contrari ad una revisione dell'insegnamento della Chiesa sull'omosessualità siano stati contestati da altri partecipanti con testimonianze personali riferite accolte con degli applausi. Come giudica quest'approccio emozionale in un Sinodo?
Lei evidentemente conosce cose del Sinodo che io non so. Ma quello che dice non mi meraviglia. Questo non è un Sinodo dei vescovi, ma dei sostenitori, o almeno dei sostenitori dei sostenitori, degli omosessuali “cacciati via” dalla Chiesa.
Non è un Sinodo di discernimento della verità, ma solo uno “sharing” di emozioni. Non si tratta della verità di fede, c’è solo psicologia.

Lei è stato uno dei firmatari degli ultimi Dubia. Non teme che le risposte del Papa alla vostra lettera del 10 luglio possano condizionare il dibattito e le decisioni dei padri sinodali sui temi dell’Instrumentum Laboris?
Lo Spirito Santo saprà aiutare a leggere quelle risposte, se siano  secondo i dettami della fede. Ho offerto la mia modesta analisi di quelle risposte che potete trovare sul mio blog.
Anche il fatto che il Papa non abbia risposto ai Dubia riformulati dice moltissimo.

Nell’Instrumentum Laboris si parla anche della situazione dei divorziati risposati. Ha letto la risposta del Dicastero per la dottrina della fede ai Dubia del cardinal Duka? Cosa ne pensa?
Dovrei scrivere mezzo libro su questo! Perdoni questo vecchio ammalato se non sono in grado di farlo in questo momento. Il Signore benedica lei e la Bussola.



IL DISOBBEDIENTE

Sinodo, Casarini fa il suo show. Ma il Vaticano ne esce male

12_10_2023 Nico Spuntoni

Ieri, in conferenza stampa al Sinodo, l’intervento dell’ex leader no global. Una scelta assurda della comunicazione vaticana. Tanto più che Casarini non ha dato prova di pentimento per le condotte del passato, azioni anti-Israele incluse.

IL CONVEGNO DELLA BUSSOLA

Il fine del Sinodo modernista: la Chiesa come democrazia liberale

06_10_2023 Stefano Fontana

Quali categorie di pensiero sono alla base della nuova sinodalità? Evidenti gli influssi di esistenzialismo, marxismo ed hegelismo, a danno della metafisica. Il fine è insinuare nella Chiesa la democrazia liberale procedurale, che la DSC ha sempre condannato.

- Il video del convegno

IL CONVEGNO DELLA BUSSOLA

Le pecore al posto dei pastori, il Sinodo sovverte la Chiesa

05_10_2023 Gerald Murray*

Il Sinodo è stato snaturato con l’apertura a membri non-vescovi. Nella nuova Chiesa sinodale è il popolo che istruisce i vescovi sul significato della Fede. È il progetto liberale denunciato da Newman, con grave pericolo per le anime.

- Il video del convegno

ESCLUSIVO

Sfida al Sinodo. Una raffica di Dubia si abbatte su Francesco

02_10_2023 Riccardo Cascioli

Cinque cardinali di cinque continenti - Burke, Brandmüller, Sarah, Zen, Sandoval – rendono pubbliche le cinque domande di chiarimento dottrinale poste a papa Francesco e che non hanno ricevuto una risposta. I temi: immutabilità della dottrina, benedizione delle coppie omosessuali, natura della Chiesa, sacerdozio femminile, sacramento della riconciliazione. La Bussola pubblica in esclusiva i testi
- La lettera ai fedeli II La prima versione dei Dubia II I Dubia riformulati