Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Macrina la Giovane a cura di Ermes Dovico
Cristiani Perseguitati
a cura di Anna Bono
Settimana Santa

Misure di sicurezza eccezionali in Sri Lanka per Pasqua

Per tutte le chiese sono stati predisposti piani di sicurezza per garantire che i fedeli possano partecipare senza correre rischi alle cerimonie religiose dal Venerdì Santo a Pasqua

 

I cristiani dello Sri Lanka stanno celebrando la Settimana Santa circondati come ogni anno da misure di sicurezza eccezionali. L’agenzia di stampa AsiaNews riferisce che la polizia ha messo a punto un piano di sicurezza per le chiese di tutto il Paese che vigilerà sui fedeli dal Venerdì Santo al giorno di Pasqua. L’ispettore generale di polizia Deshabandu Tennakoon ha dato direttive a tutti gli ufficiali ai suoi ordini,  inclusi i vice ispettori generali senior della polizia e gli ufficiali responsabili delle divisioni di polizia. Incontri con i sacerdoti e gli organi amministrativi delle parrocchie hanno permesso di elaborare piani di emergenza personalizzati per ogni chiesa. In tutto il paese, infatti, e in particolare tra i cristiani è ancora vivo il ricordo degli attentati compiuti il giorno di Pasqua del 2019 contro tre chiese – due cattoliche e una protestante – e quattro hotel uccidendo 275 persone e ferendo circa 500. Gli attentati erano stati rivendicati dall’Isis. A distanza di cinque anni, però, ancora molto resta da chiarire. Le persone sospettate di aver eseguito gli attentati sono in carcere, ma non i mandanti e i complici. Di recente l’ex presidente Maithripala Sirisena che all’inizio del 2023 è stato condannato dalla Corte Suprema a pagare un risarcimento per non aver saputo prevenire le stragi, ha dichiarato di essere disposto a fare luce sui veri responsabili delle stragi, veri colpevoli ancora in libertà. Ha parlato di informazioni da lui tenute nascoste e che adesso è disposto a rivelare ai giudici. È quanto chiedono da cinque anni i vescovi singalesi che nel messaggio pasquale di quest’anno, firmato dal presidente della Conferenza episcopale singalese, monsignor Harold Anthony Perera, e da segretario generale, J. D. Anthony Jayakody, ha ancora una volta rivolto alle autorità sollecitudine nei confronti delle famiglie delle vittime e dei sopravvissuti e un impegno concreto a fare giustizia. I vertici della Chiesa cattolica da tempo reclamano che si faccia una indagine indipendente sugli attentati e sostengono che le stragi hanno favorito la vittoria elettorale di Gotabaya Rajapaksa alle presidenziali del 2019. Il 70% degli abitanti dello Sri Lanka sono buddisti. I cristiani sono circa il 7,4%, 6,1% dei quali cattolici.