Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Marco a cura di Ermes Dovico
L'INCHIESTA/2

La Cassazione dettava la linea sugli effetti avversi: «Trascurabili»

Ascolta la versione audio dell'articolo

La relazione del Massimario della Cassazione per orientare i giudici sulle cause Covid: «Effetti avversi rari e brevi». Eppure, decessi e danneggiati erano già ampiamente presenti nella farmacovigilanza internazionale. Ma non se n'è tenuto conto per giustificare la costituzionalità dell'obbligo vaccinale. E così sono proliferate le archiviazioni. 
1- I condizionamenti della Corte Suprema ai giudici
3- Lo scudo penale? Per rassicurare i medici

Attualità 10_02_2024

2- segue

Anche sul secondo pilastro della vaccinologia, quello della sicurezza, la relazione del Massimario della Corte di Cassazione del 28 ottobre 2021, evidenzia la volontà di negare del tutto la presenza di effetti avversi significativi. Eppure, già alla fine della somministrazione della terza dose erano emerse le prime indicazioni di danneggiati anche gravi. Ovviamente non a livello di opinione pubblica, dominata da un mainstream ossessivo e unidirezionale pro vaccinista, ma a livello scientifico e regolamentatorio.

Qualcosa stava già emergendo, ma i giudici del Massimario nella loro relazione hanno scelto di affidarsi soltanto all’ultimo report di Aifa disponibile allora, quello del 22 ottobre 2021. Una fonte insufficiente e non solo per quello che è emerso successivamente con l’inchiesta di Fuori dal Coro sugli Aifa leaks, dove le inquietanti omissioni sulle reazioni avverse sono oggetto ora del procedimento che pende in Tribunale a Roma e al Tribunale dei ministri per l’ex ministro della Salute Roberto Speranza, ma anche per tutta la mole di segnalazioni e di letteratura scientifica a disposizione oggi.

«EVENTI AVVERSI LIEVI»
A pagina 13 della relazione, i giudici Maria Acierno e Antonietta Scripa scrivono: «È scientificamente provato e riconosciuto che i vaccini costituiscono una delle misure preventive più efficaci con un rapporto rischi/benefici particolarmente elevato ed un valore etico intrinseco assai rilevante in quanto espressione del dovere di solidarietà». E in quella successiva, nel tentativo di giustificare il rispetto dell’articolo 32 della Costituzione indicano in premessa che «secondo la Costituzione un trattamento sanitario obbligatorio è conforme all’articolo 32 ove sia teso a migliorare o preservare lo stato di salute del soggetto a cui è diretto e non incida negativamente sulla salute del destinatario».

Fate attenzione all’ultima frase: «Non incida negativamente sulla salute del destinatario». É questa una delle condizioni, oltre all’efficacia per la collettività, di cui abbiamo parlato nel primo articolo, per poter ottenere il via libera della Costituzione all’imposizione vaccinale. Pertanto, diventa indispensabile, se l’obiettivo è giustificare l’obbligo che è stato fatto dell’inoculo - diretto per certe categorie, indiretto col Green pass e poi diretto mascherato già gennaio 2022 col Super Green pass – negare o minimizzare il più possibile tutti gli eventi avversi.

Così la relazione inviata ai giudici per condizionarli sulle future cause che si sarebbero trovati a discutere, non si basa né su precedenti giurisprudenziali allora assenti, né su ciò che stava emergendo a livello scientifico, ma riporta: «Nella normalità dei casi chi vi sottopone (al vaccino ndr) sopporta al massimo conseguenze lievi e temporanee trascurabili anche a fronte dei benefici immunitari e dei gravi rischi che altrimenti potrebbero insorgere». Affermazione di cui conosciamo ora con certezza la falsità e che all’epoca conoscevano gli addetti ai lavori.

UNA NORMALITA’ EUGENETICA
La “normalità” è una parola grigia, che ha un valore rispetto ad un punto di origine, dunque è opinabile: se per normalità si intende la maggioranza della popolazione vaccinata, allora, il ragionamento potrebbe anche filare, ma bisognerebbe spiegare poi a quei pochi, ma in numeri assoluti tantissimi danneggiati, che il loro sacrificio è stato necessario per salvaguardare la collettività, cioè gli altri. Una mentalità eugenetica, infatti, sta alla base di una errata e strumentale interpretazione del concetto di salute collettiva e dell’errata considerazione del rapporto rischi/benefici che non può mai essere collettivo, ma personale dato che si deve misurare sul rischio di ognuno di contrarre il virus e finire all’ospedale fino al decesso rispetto ai benefici che avrebbe se si vaccinasse.

Se invece per normalità si intende lo standard dei vaccini in commercio fino ad ora, allora l’emergere di reazioni avverse in così gran quantità già all’epoca, avrebbe dovuto accendere un campanello d’allarme a dei giudici che pure dicevano di basarsi su un consensus generale della comunità scientifica.

DATI AIFA INSUFFICIENTI
Così si arriva a pagina 18: «In merito alla sicurezza, il monitoraggio effettuato dall’Aifa attraverso il sistema di farmacovigilanza che raccoglie e valuta tutte le segnalazioni di eventi avversi evidenzia un bilanciamento rischi/benefici assolutamente accettabile in quanto i danni conseguenti alla somministrazione del vaccino per Sars Cov 2 devono ritenersi, considerata l’estrema rarità del verificarsi di eventi rari e correlabili, rispondenti ad un criterio di normalità statistica con una incidenza delle reazioni negative di breve periodo molto bassa e appena di poco superiore a quelle conosciute da anni per i vaccini ordinari». Quest’ultima frase poteva essere una spia per approfondire il problema: se le reazioni avverse c’erano già, seppure di poco superiori a quelle conosciute per gli altri vaccini (ad esempio quelli antinfluenzali), perché allora non approfondire la questione e andare a cercare quelle fonti scientifiche che già a ottobre 2021 stavano monitorando un aumento impressionante, e non di poco conto, di reazioni contrarie?

Invece il Massimario non guarda a questa problematica e conclude che «il rapporto rischi/benefici sembrerebbe pendere a favore dei secondi e che pertanto un eventuale obbligo di vaccinazione anti covid previsto mediante legge statale potrebbe superare con un elevato grado di probabilità il vaglio di costituzionalità». A questo punto, e con il parere pesante della Corte Suprema, quale giudice si sarebbe avventurato nella pericolosa risalita di un fiume tempestoso come quello dei danneggiati da vaccino. Eppure, si tratta di una realtà sotto gli occhi di tutti, che si è costituita in un apposito Comitato e che si batte per farsi ascoltare.

I DANNEGGIATI C’ERANO GIA’
Tanto più che già all’epoca stavano emergendo le testimonianze dei primi danneggiati usciti allo scoperto (la Bussola è stata la prima a intervistarli), in una sequenza impressionante di sintomi e condizioni da far interrogare chiunque.

Ma anche volendo ignorare le testimonianze dirette dei danneggiati, si poteva almeno dare un occhio a quello che le agenzie di farmacovigilanza stavano facendo emergere.

Quella italiana, ad esempio, qualche problema lo stava già rilevando, anche se come abbiamo visto dall’inchiesta di Fuori dal Coro, abbondantemente sottostimato e omesso. Già nel nono rapporto di sorveglianza del settembre 2021, un mese prima della redazione della relazione della Suprema, Aifa riportava la segnalazione di 608 decessi post vaccinazione (vale a dire 67 decessi al mese) mentre le segnalazioni gravi corrispondevano al 14% con un tasso di 17 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate. Dati preoccupanti e non proprio “di poco superiori” agli altri vaccini. Quindi, all’epoca, i decessi correlati erano già emersi e basti dire, per fare un raffronto, che per vaccini diversi, anche un pugno di reazioni fatali avevano comportato un ritiro dal mercato del prodotto. E le patologie, dalle trombosi alle miocarditi fino alle neuropatie erano già emerse, seppure minimizzate.

Ma volendo affidarsi anche alla farmacovigilanza di altri Paesi, per nulla presa in considerazione dai giudici che hanno affrontato la questione della sicurezza solo da una prospettiva italocentrica, i due enti di ricognizione e raccolta di effetti avversi Eudravigilance per l’Europa e Vaers per gli Stati Uniti erano già ampiamenti attivi sul fronte dei danneggiati.

Infine, la parola ai produttori. Volendo accertarsi dalla voce di Big Pharma, ci si sarebbe potuti insospettire, per lo meno. Su ordine della FDA americana, infatti, la Pfizer fu costretta a presentare un report relativo alla farmacovigilanza effettuata dal 1° dicembre 2020 al 28 febbraio 2021. Ebbene: si diceva che «c’è stato un totale di 42mila rapporti di casi contenenti 158mila eventi, di cui 25mila provenivano dall’Italia».

ARCHIVIAZIONI SPRINT
Con dati come questi, poi amplificati a dismisura successivamente, come si poteva affermare con certezza dogmatica che la sicurezza non costituiva un problema? Quanti giudici si sono fidati di questo report ufficiale e autorevole della Corte di Cassazione per respingere alla velocità della luce le cause dei tanti danneggiati che chiedevano giustizia dopo essere stati obbligati a vaccinarsi?

Solo a titolo di esempio, per mostrare che le sentenze dei giudici sono state costruite utilizzando lo stesso schema recepito dal Massimario. Prendiamo ad esempio uno dei tanti casi, questo raccontato anche dalla Bussola: la vicenda tragica del giovane Runa Cody e del suo decesso inspiegabile per pericardite. La madre aveva portato in Aula molti documenti che attestavano la presenza di peri-miocarditi già da giugno 2021 proprio fornendo dei documenti Aifa in cui si dava conto delle prime miocarditi. La risposta del Gip di Civitavecchia fu la seguente: «Al momento della somministrazione ed anche attualmente, la letteratura scientifica in materia era estremamente scarsa o assente». Assente, appunto. Proprio come da Massimario Covid. Eppure, sarebbe bastato cercare. 

2- Continua



L'INCHIESTA/1

I condizionamenti della Cassazione per bocciare le cause sui vaccini

09_02_2024 Andrea Zambrano

Vaccini sicuri ed efficaci, Costituzione rispettata, obbligo giusto per sé e per gli altri. Sulla base di assunti poi rivelatisi sbagliati, l’ufficio del Massimario della Cassazione ha guidato con il suo orientamento giudici e procure nelle cause legate al vaccino Covid-19. Una relazione scovata dalla Bussola mostra che la Corte Suprema aveva già "istruito" le toghe su come respingere le future cause riversatesi poi nei tribunali. 
2- La linea sugli effetti avversi: «Trascurabili»
3- Lo scudo penale? Per rassicurare i medici

la manifestazione di ascoltami

Danneggiati contro Speranza sotto gli occhi della Procura

13_01_2024 Andrea Zambrano

Oltre 300 (erano previsti in 100) al sit-in davanti alla Procura per chiedere di non archiviare l'inchiesta sui vaccini anti-Covid che vede accusati Speranza e l'ex Aifa Magrini. Sotto le finestre del procuratore sfila il dolore di invalidi e madri senza più figli che chiedono ascolto, cure e giustizia.

CHIETI

In nome del popolo italiano: giudice demolisce la campagna vaccinale

28_11_2023 Andrea Zambrano

Per la prima volta un giudice afferma in sentenza gli errori della campagna vaccinale definendola «approssimativa» e prosciogliendo due cittadini denunciati per interruzione di pubblico servizio. Il gip di Chieti dà loro ragione perché insistevano nel chiedere informazioni sui rischi al medico vaccinatore, che ora il giudice ha fatto indagare dal Pm. 

STATI UNITI

Giudice ordina: «Pubblicate i dati sugli effetti avversi»

10_11_2022 Luisella Scrosati

Dai dati che l'associazione non governativa ICAN è riuscita ad ottenere dal CDC statunitense su ordine del giudice del Texas e sui 10 milioni che hanno usato l'app V-Safe, emergono informazioni sconcertanti: ben 4,2 milioni i sintomi severi segnalati. 

il caso zanda

Giudice, cristiana e critica i vaccini: deve essere punita

07_06_2023 Andrea Zambrano

Il giudice di Firenze Susanna Zanda comparirà davanti al Csm per rispondere di illeciti disciplinari. Comportamenti sbagliati? No: ha emesso una sentenza che si basa sulle criticità dei vaccini, ormai evidenti alla scienza. Ma il merito delle sentenze non rientra tra i compiti del Csm. La velata cristianofobia nelle accuse della Procura. E il monito lanciato a tutte le toghe a non contraddire mai le decisioni del Governo. 

la sentenza su runa cody

Morto di pericardite: il giudice archivia negando la scienza

25_04_2023 Andrea Zambrano

La battaglia di Doina, mamma coraggio che chiede verità per la morte del figlio 18enne, Runa Cody: «L'autopsia ha rilevato una pericardite fatale, aveva fatto il vaccino appena un mese prima». Ma il gip di Civitavecchia ha archiviato la denuncia per omicidio colposo perché all'epoca non c'era letteratura scientifica sufficiente. Ma non è vero: «I casi erano noti già da giugno 2021». «Andrò fino in fondo, voglio far analizzare il cuore che abbiamo conservato». 

l'intervista

«Noi danneggiati, dopo due anni ancora in attesa di ascolto»

11_10_2023 Andrea Zambrano

Il "Comitato Ascoltami" compie due anni. La fondatrice Federica Angelini alla Bussola. «Ancora non abbiamo avuto l'ascolto che ci aspettavamo dalle istituzioni sui danni da vaccino, ma il gruppo è cresciuto fino a 4200 iscritti. La nostra forza è stato restare uniti e confrontarci con la gente». 

INTERVISTA A BORGHI

«Danneggiati da ascoltare, vergognosa campagna di pensiero unico»

09_09_2023 Andrea Zambrano

Per imporre il nuovo vaccino anti-Covid si fa leva sulla paura: il Ministero impone il tampone ai sintomatici in pronto soccorso; e si zittisce chi parla di effetti avversi. Come il senatore Borghi che ospita in Senato, per la prima volta, danneggiati e medici e alla Bussola dice: «Vergognosa campagna di pensiero unico, chi dissente viene aggredito». 

il report

3000 morti: Pfizer ammette con freddezza il dramma dei danneggiati

03_07_2023 Paolo Gulisano

900 casi di cecità, 700 complicazioni in gravidanza. E 3000 decessi. I dati del Report di Pfizer confermano solo ora che era proprio vero: la vaccinazione voleva dire rischiare la vita. E la salute. E per tali motivi non avrebbe dovuto essere coercitivamente obbligatoria.

la SENTENZA FARà "SCUOLA"

Giudice ordina al Miur: pagate gli arretrati ai prof non vaccinati

01_12_2023 Andrea Zambrano

Il giudice di Viterbo condanna il Ministero dell'Istruzione a versare gli stipendi arretrati a tre docenti che furono sospesi dal lavoro perché senza vaccino. Riconosciuta la retroattività del reintegro. Colpa anche della legge scritta male. E ora la sentenza può fare scuola per tutte le altre cause in tribunale.