Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Giovanni Battista de’ Rossi a cura di Ermes Dovico
EUROPARLAMENTO

Feti equiparati a sangue e cellule. La UE apre al commercio

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di regolamento che equipara gli embrioni umani a cellule e tessuti, definendoli "sostanze di origine umana". Porte aperte ad eugenetica e usi industriali. Protestano i Vescovi della Comece. 
- Aborto, a Terni c'è un vescovo con "un cuore che batte", di Tommaso Scandroglio
- VIDEO: Ricordiamoci dei vaccini

Vita e bioetica 14_09_2023

Martedì 12 settembre, il Parlamento Europeo ha approvato in prima istanza nuove misure con cui si vorrebbero proteggere maggiormente i cittadini che donano sangue, tessuti o cellule o che vengono curati con queste sostanze umane. Di fatto però, ignorando gli allarmi di diverse organizzazioni di esperti e le preoccupazioni dei Vescovi europei, la proposta di regolamento approvata dall’ampia maggioranza che include socialisti, popolari, sinistre, verdi e liberali, calpesta la dignità umana, autorizza l’apertura del libero mercato di embrioni, feti e gameti umani e delle conseguenti sperimentazioni e selezioni eugenetiche.

La proposta di regolamento relativo agli “Standard di qualità e sicurezza per le sostanze di origine umana destinate all'applicazione sugli esseri umani” (o regolamento SoHO), che mira a condividere cellule, sangue e tessuti umani all'interno degli Stati membri in maniera armonizzata e standardizzata, è stata adottata il 12 settembre con 483 voti a favore, 89 astensioni e 52 voti contrari. Molti deputati hanno insistito sul fatto che le donazioni di queste “sostanze” devono sempre essere volontarie e non retribuite e che i donatori possono ricevere solo un compenso o un rimborso per le perdite o le spese sostenute.

Siamo di fronte all’ipocrisia più sfacciata che si possa immaginare, perché di fatto si apre alla mercificazione dell’umanità. Infatti, per garantire che l'Unione Europea abbia una propria fornitura indipendente di queste sostanze, come si chiarisce anche nella scheda del provvedimento approvato, «gli eurodeputati chiedono una strategia UE coordinata dalla Commissione per assicurarne la disponibilità, un elenco europeo di sostanze di origine umana destinate all'applicazione umana o di origine umana (SoHO) carenti e anche l'istituzione di piani nazionali di emergenza e di continuità delle forniture».

Le misure si applicano alle sostanze - come il sangue e i suoi componenti (globuli rossi e bianchi, plasma), i tessuti e le cellule - utilizzate per trasfusioni, terapie, trapianti o riproduzione medicalmente assistita, cioè fecondazione artificiale. Con il pretesto di creare un ambiente efficiente e sicuro per le trasfusioni di sangue e i trapianti di organi in tutta l’Unione, la relatrice del PPE, Nathalie Colin-Oesterlé, ha ricordato che il suo partito «riconosce e sostiene l'esistenza di un mercato europeo della fertilità per giustificare gli scambi transfrontalieri di gameti, embrioni e feti in caso di carenza in uno Stato membro». Peggio ancora, l'emendamento del PPE n. 241 sul compenso ai donatori di tali gameti, embrioni o feti è stato ampiamente adottato, creando così un pericoloso precedente sulla vendita di parti del corpo. Gli emendamenti n. 242 e n. 243 (dei gruppi Identità e Democrazia e dei Conservatori e Riformisti Europei), che miravano invece a richiamare il quadro legislativo ed etico entro il quale l'UE dovrebbe operare, sono stati clamorosamente respinti.

Il testo approvato rappresenta un grande passo verso il riconoscimento di un mercato della fertilità, come socialisti, sinistre, verdi e liberali, oltre alla maggioranza del PPE e a molteplici lobby, volevano. Poiché embrioni e feti sono inclusi nelle categorie di tessuti e cellule, ciò aprirà alla legalizzazione del mercato di vite umane in Europa. Gli embrioni e i feti sono infatti vita umana: includerli nel generico e ampio elenco delle «sostanze di origine umana» (SoHO, nell’acronimo inglese) e come «prole non nata», non solo li riduce a comuni cellule, ma apre anche pericolose porte al loro utilizzo per scopi eugenetici o di ricerca o industriali, contro il rispetto della dignità umana.

Si apre così al mercato in cui embrioni e feti viaggiano attraverso l'Unione Europea per essere «donati con compensazione», di fatto venduti al miglior offerente. Certo, gli Stati membri rimangono responsabili delle decisioni in merito alle questioni etiche, come la fecondazione in vitro, ma allo stesso tempo, affidando alla Commissione la responsabilità dell’attuazione del regolamento, c’è il pericolo reale che Bruxelles aggiri i divieti delle legislazioni dei singoli Paesi.

Il progetto di regolamento era stato presentato dalla Commissione il 14 luglio 2022, con l’intento di abrogare le passate direttive sul sangue, i tessuti e le cellule, alla luce dei nuovi sviluppi scientifici, tecnici e sociali. Le modifiche approvate dal Parlamento martedì potranno essere ulteriormente stravolte, magari in positivo, fin dai prossimi mesi, quando inizieranno i cosiddetti trialoghi tra Commissione, Parlamento e Consiglio per arrivare a un unico testo. Il testo finale, speriamo dopo le prossime elezioni con un nuovo Parlamento e una nuova Commissione, una volta definito, dovrà essere comunque riapprovato dal Parlamento senza alcuna modifica per entrare in vigore. Dunque, c’è speranza che diversi Paesi, tra cui auspicabilmente l’Italia, l’Ungheria e la Polonia con queste ultime che presiederanno il Consiglio rispettivamente nel secondo semestre del 2024 e nel primo del 2025, possano contribuire a bocciare le gravissime modifiche del Parlamento.

La Commissione delle conferenze episcopali della Comunità Europea (Comece) e il Commissariato dei Vescovi Tedeschi – Ufficio Cattolico in Berlino, il 12 settembre, avevano messo in guardia dai pericoli legati alla proposta di regolamento, poi approvata, insistendo sulla «necessità di distinguere tra cellule germinali non fecondate, da un lato, ed embrioni e feti, dall'altro» e sui possibili pericoli di «selezione eugenetica».

Il presidente della Federazione delle associazioni familiari cattoliche in Europa (FAFCE), Vincenzo Bassi, preoccupato per i rilievi eugenetici del provvedimento approvato, si augura che vi sia un sussulto di saggezza nel rispetto del «valore intrinseco» e della «dignità della vita umana e della procreazione umana». Bassi promette impegno a tutti i livelli per rimediare alle derive del regolamento proposto, così come il think tank di esperti europei NBIC Ethics di Laetitia Pouliquen.



IL CASO

Vaccini, feti abortiti e altri farmaci: una guida per capire

31_08_2021 Luisella Scrosati

Un argomento forte di chi ritiene non sia problematico l'uso di linee cellulari da feti abortiti per produrre i vaccini è il fatto che se si impediscono i vaccini si dovrebbero vietare anche molti altri farmaci comuni che usano le stesse linee cellulari. In realtà le cose stanno diversamente, ma soprattutto non è accettabile accettare un male solo perché è molto diffuso. Da qui una proposta per i cristiani...

L’INIZIATIVA

Nuovo movimento pro vita: “No all’uso di cellule fetali”

20_04_2021 Ermes Dovico

Sette realtà italiane rispondono all’appello di monsignor Schneider di un «nuovo movimento per la vita» che si opponga all’uso di cellule e tessuti provenienti da bambini abortiti. Non si tratta solo di vaccini, ma di tutti gli usi immorali in campo farmaceutico, cosmetico o alimentare. Una battaglia culturale la cui urgenza è ricordata pure da una fresca norma (anti-vita) di Biden.

IL CASO

Cellule da feti abortiti, interessa ancora a qualcuno?

10_04_2021 Riccardo Cascioli

Santa Sede, CEI e vari intellettuali cattolici promuovono la vaccinazione di massa ignorando loro per primi i documenti della Chiesa riguardo alle condizioni richieste perché l'uso delle cellule da feti abortiti possa essere considerato moralmente lecito. Una grande occasione persa dalla Chiesa per evangelizzare.

STATI UNITI

Aborti e ricerca, 88 milioni da Biden. E sui nati vivi…

14_03_2022 Ermes Dovico

Un progetto dell’Università di Pittsburgh interroga i medici sulla possibilità che ai bambini vengano estratti organi da vivi. E l’Amministrazione Biden stanzia 88 milioni di dollari per ricerche su tessuti umani fetali - come i trapianti da bambini a topi. Maggiore finanziatore il NIAID diretto da Fauci.

SCIENZA E MORALE

Feti abortiti e vaccini, le verità dimenticate

07_06_2021 Leon Pereira

Ci sono dodici linee cellulari provenienti da feti abortiti, e non bisogna dimenticare il modo atroce in cui questi bambini vengono uccisi per poter usare i loro tessuti. Quanto ai vaccini moralmente problematici, la Chiesa dice che si possono accettare solo per gravi necessità e su base temporanea, ma protestando contro la produzione di tali vaccini e contro l'uso dei feti abortiti nella ricerca medica. In nessun caso è possibile indicare l'uso di questi vaccini come un dovere morale, mentre è invece doveroso fare azione di lobby per avere vaccini etici.

I VACCINI INTERROMPONO LA TRASMISSIONE? NON SI SA di Paolo Gulisano

FECONDAZIONE ARTIFICIALE

Un'altra ecatombe di embrioni. Ma il Parlamento pensa green

14_02_2022 Ermes Dovico

Mentre la Costituzione viene modificata in chiave ambientalista, in Italia si continuano a trattare embrioni umani come cose: prodotti, congelati, scongelati, oltre 145 mila sacrificati sull'altare della fecondazione artificiale, come emerge dall'ultima Relazione ministeriale sulla Legge 40, contenente i dati del 2019. La denuncia dell'Aigoc.