Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Brigida di Svezia a cura di Ermes Dovico
Migrazioni
a cura di Anna Bono
Venezuela

È salito a 3,4 milioni il numero dei venezuelani all’estero

Nel 2018 in media hanno lasciato il Venezuela 5.000 persone al giorno. Un rapporto congiunto Unhcr e Oim presentato il 22 febbraio fa il punto della situazione

Migrazioni 25_02_2019

 

I venezuelani all’estero sono 3,4 milioni. Nel 2018 in media hanno lasciato il Venezuela, devastato da una crisi economica senza precedenti, 5.000 persone al giorno.  Circa 2,7 milioni di emigranti e rifugiati si trovano attualmente nei paesi dell’America Latina e dei Caraibi. Sono dati contenuti nell’ultimo aggiornamento della situazione, pubblicato il 22 febbraio dall’Unhcr, l’agenzia Onu per i rifugiati, e dall’Oim, Organizzazione internazionale per le migrazioni, che inoltre ne conferma la distribuzione. La Colombia ne ospita il maggior numero, più di 1,1 milioni. Seguono Perù, con 506.000, Cile 288.000, Ecuador, 221.000, Argentina, 130.000 e Brasile, 96.000.  I governi dell’America Latina hanno concesso ai venezuelani circa 1,3 milioni di permessi di soggiorno e altre forme di status regolare e hanno rafforzato i loro sistemi di asilo per far fronte al numero straordinario di richieste di asilo. Nel solo 2018 più di 232.000 venezuelani hanno presentato richiesta di asilo. I paesi della regione hanno dimostrato una straordinaria solidarietà nei loro confronti. Hanno avviato un programma coordinato di interventi, il Quito process, e un piano regionale, il Regional Refugee and Migrant Response Plan, che assiste 2,2 milioni di venezuelani e mezzo milione di abitanti locali in 16 stati. L’enorme afflusso di profughi infatti mette a dura prova le comunità che li ospitano, spesso bisognose a loro volta si sostegno. “L’attenzione internazionale è rivolta agli sviluppi politici in Venezuela – ha commentato Eduardo Stein, rappresentante speciale dei rifugiati e degli emigranti venezuelani per l’Unhcr e l’Oim – ma non bisogna dimenticare che le comunità ospiti hanno assoluto bisogno di aiuto da parte della comunità internazionale”.