Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Romano di Condat a cura di Ermes Dovico

Castità

L’amore, unico antidoto alla "società dell’io" e del sesso
IL LIBRO

L’amore, unico antidoto alla "società dell’io" e del sesso

La riflessione del cardinale Angelo Comastri sugli effetti di una società edonista e narcisista che finisce per lasciare solitudine e profonde ferite. Solo il dono di sé garantisce la libertà che non inganna e la felicità che riempie il cuore.


Castità prematrimoniale, c’è chi la riscopre
STATI UNITI

Castità prematrimoniale, c’è chi la riscopre

Lo studioso Lyman Stone analizza i dati americani della General Social Survey: dal 2008 al 2021, tra le persone non sposate under 35 che frequentano le funzioni religiose più di una volta al mese, la quota di chi non ha rapporti sessuali è aumentata dal 20 al 60%. Un fatto che ha almeno un paio di spiegazioni.


Chi cerca la purezza invochi san Giuseppe
Redemptoris Custos/11

Chi cerca la purezza invochi san Giuseppe

I peccati della carne sono un grande pericolo per l’anima e, a dispetto del permissivismo odierno, rendono schiavo l’uomo. Invece la castità, a cui ciascuno è chiamato secondo il proprio stato di vita, si fonda sul dominio di sé e rende liberi. È legata alla carità. E ha il suo patrono naturale in san Giuseppe, che va invocato contro tutte le tentazioni carnali.


San Giuseppe, una luce per la Dottrina sociale della Chiesa
IL BOLLETTINO

San Giuseppe, una luce per la Dottrina sociale della Chiesa

Giuseppe è maestro di ogni vita quotidiana nella società anche di oggi, innestando l’azione nella contemplazione. Eppure, nessuno aveva fin qui trattato le sue sante qualità dal punto di vista della Dottrina sociale della Chiesa. Colma tale lacuna l’ultimo Bollettino dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, dal titolo “San Giuseppe: paternità, castità, lavoro”.


L’Eucaristia e san Giuseppe, modello dei sacerdoti
REDEMPTORIS CUSTOS/8

L’Eucaristia e san Giuseppe, modello dei sacerdoti

Nel trattare il Corpo e Sangue di Gesù realmente presente nelle specie eucaristiche, il sacerdote deve imitare i sentimenti di pietà e adorazione che san Giuseppe ebbe nel nutrire e allevare il Figlio divino nei Suoi lunghi anni di vita nascosta. E l’esempio dello sposo verginale di Maria ricorda anche la castità perfetta quale dimensione ontologica del sacerdozio.


Sogni e matrimonio, cosa ci insegna san Giuseppe
Spigolature giuseppine

Sogni e matrimonio, cosa ci insegna san Giuseppe

La lettera apostolica Patris Corde, frutto della collaborazione tra il cardinale Piacenza e papa Francesco, usa concetti fondati sulle Scritture ma con un vocabolario attualizzato. San Tommaso spiega perché san Giuseppe ricevesse la rivelazione divina attraverso i sogni e perché quello con Maria fu vero matrimonio. I due sposi castissimi andrebbero invocati insieme perché le unioni irregolari si aprano alla grazia di Dio, regolarizzandosi di fronte a Lui.