Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Giovanni I a cura di Ermes Dovico

Lgbtq

Legge sui gay: Ghana nel mirino di lobby e Banca Mondiale
dittatura arcobaleno

Legge sui gay: Ghana nel mirino di lobby e Banca Mondiale

Esteri 07_03_2024 Anna Bono

Le sanzioni sulla condotta omosessuale e le associazioni LGBTQ+ restano congelate per via delle pressioni esterne e del timore di perdere aiuti economici, come già accaduto in Uganda.


Deputata sanzionata per aver detto che un uomo è un uomo
MESSICO E TRANS

Deputata sanzionata per aver detto che un uomo è un uomo

La deputata messicana Teresa Castell si rivolge al collega transessuale Salma Luévano al maschile e chiamandolo "uomo". Sanzionata, deve fare autocritica. 


Gli USA potrebbero escludere i cristiani dal sistema di adozione
Discriminati perché cristiani

Gli USA potrebbero escludere i cristiani dal sistema di adozione

Una proposta di legge prevede che non possano essere dati in adozione dei minori a famiglie che per credo religioso non garantiscono i diritti delle persone LGBTQ

 


Pessimi segnali dalla nuova maggioranza polacca
DOPO IL VOTO

Pessimi segnali dalla nuova maggioranza polacca

Nonostante non ci sia ancora un governo, in Polonia la nuova maggioranza già detta la linea contro i conservatori. E le associazioni abortiste ed Lgbt già passano all'incasso. Mentre iniziano vere e proprie epurazioni. 


L'Africa non tollera l'omosessualità. E non accetta lezioni
CONTINENTE NERO

L'Africa non tollera l'omosessualità. E non accetta lezioni

Leggi contro l'omosessualità, anche ereditate dal periodo coloniale europeo, sono in vigore nella maggior parte degli Stati africani. In quattro di essi, è prevista anche la pena di morte. Nella tradizione africana, il primo dovere di un uomo è quello di procreare. Non vengono ammesse ingerenze o proteste da parte degli occidentali. 


Educare i propri figli è un diritto. L'Ungheria si difende dall'Ue
L'INTERVISTA/NEMETH ZSOLT

Educare i propri figli è un diritto. L'Ungheria si difende dall'Ue

"La domanda può essere formulata in questi termini: chi ha il diritto di decidere su quale tipo di educazione sessuale devono ricevere i suoi figli? Noi crediamo che questo diritto appartenga, prima di tutto, ai genitori". Nemeth Zsolt, presidente Commissione Esteri nel Parlamento dell’Ungheria, spiega alla Nuova Bussola Quotidiana il senso della legge condannata da Ursula von der Leyen e bollata come discriminazione "anti-Lgbtq". Su Budapest si sta concentrando una tempesta perfetta nell'Ue, fatta di pressioni legali e, da ieri, anche economiche. Eppure il governo ungherese, oltre che difendere l'autonomia degli Stati membri, non fa che riproporre la libertà di educazione.

- LA ZAN IN SENATO, RENZI DECISIVO di Nico Spuntoni