Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Gregorio Barbarigo a cura di Ermes Dovico
Borgo Pio
a cura di Stefano Chiappalone

orizzontalismo

Dieci anni fa: una Ong "piadosa"

L'allora neoeletto Francesco denunciava il rischio di una Chiesa umana, troppo umana. Che forse è proprio quanto sta avvenendo.

Borgo Pio 14_03_2023

Nel mare di commenti e più spesso di panegirici per il decennale del pontificato di Francesco, sarebbe il caso di fare un bilancio di un altro "piccolo" evento, più precisamente una frase pronunciata dall'allora neo-eletto pontefice.

Dieci anni fa, dunque, non il 13, ma il 14, ancora nella Cappella Sistina il nuovo Papa celebrava la prima Messa con i cardinali che lo avevano eletto il giorno precedente. E nella sua omelia pronunciò una frase che non molti ricordano: «Noi possiamo camminare quanto vogliamo, noi possiamo edificare tante cose, ma se non confessiamo Gesù Cristo, la cosa non va. Diventeremo una ONG pietosa, ma non la Chiesa, Sposa del Signore». Nota in margine: disse pietosa con uno spagnolismo da piadoso, che vuol dire "compassionevole", ma poiché in italiano suona male sopravvenne una mano... piadosa a correggere il testo ufficiale con «assistenziale».

Una frase sicuramente incisiva, visto che troppo spesso, a prescindere dalle buone intenzioni, le varie attività ecclesiali finiscono per configurarsi come una forma di volontariato con solo qualche vago riferimento religioso. Insomma, una «perdita del soprannaturale» (come spiega proprio oggi mons. Schneider su La Bussola) penetrata anche nella mentalità ecclesiale e persino nella liturgia: tout se tient...

E, quali che fossero le intenzioni del neoeletto pontefice, la percezione di una Chiesa decisamente sbilanciata in senso orizzontale, una «Ong piadosa», che accompagna molti e converte pochi, in questi dieci anni sembra essersi piuttosto accentuata.