Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santi martiri messicani a cura di Ermes Dovico
LE RAGIONI DI UN TRACOLLO

2022: fuga dalla squola

Per la scuola italiana c’è un’unica soluzione: abolirla. Quella statale, ovviamente. Meglio radere al suolo e rifare di sana pianta nel nome della concorrenza. Tutte le scuole siano imprese private e ogni preside attiri iscrizioni offrendo di meglio. Sogno una situazione nella quale volentieri tornerei a insegnare: col mio curriculum sotto il braccio mi presenterei a un preside e chiederei quanto sarebbe disposto a darmi. Se lui giudicasse che, con me, le iscrizioni aumenterebbero, mi darebbe quel che chiedo. 

Educazione 24_02_2022

Per la scuola italiana c’è un’unica soluzione: abolirla. Quella statale, ovviamente. E tale soluzione dovrebbe essere gradita anche da quanti si dicono liberali. Ora, ogni regime, dal 1789 in poi, ha preteso di formare a sua immagine i giovani. Nell’Ancien Régime lo Stato si occupava solo di difesa e ordine pubblico, a istruzione e assistenza  pensava la Chiesa. La quale, obbligata dal Vangelo, insegnava la carità e l’amor del prossimo, non l’odio di classe. Sia i liberali che i marxisti sono figli dei giacobini, poi le vicende storiche li portarono a conflitto. La scuola «di stato» da noi fu invenzione liberal-piemontese, e rimase anche nella repubblica.

In mani dc fino al Sessantotto, fu poi devastata dai comunisti. Ogni ministro che si susseguì introdusse «riforme» che non facevano che peggiorare la situazione. Fino al disastro attuale, di fronte al quale occorrerebbe fare come fecero i tedeschi con l’Est dopo la riunificazione: irreparabile, meglio radere al suolo e rifare di sana pianta. E la sana pianta, ora che i liberali sono stati spinti a destra, è questa: concorrenza. Tutte le scuole siano imprese private e ogni preside attiri iscrizioni offrendo di meglio.

I non abbienti? Borse di studio finanziate dal risparmio, mastodontico, ottenuto dall’abolizione della scuola statale. Che ormai è solo un carrozzone napoleonico costosissimo e improduttivo, e siamo rimasti quasi i soli al mondo ad averne uno. L’episodio del liceo di Roma? Bah, vecchio come il cucco. Mi si consenta uno spiacevole ricordo personale. Quando per sopravvivere insegnavo al liceo, una volta mi capitò di imbastire il seguente breve dialogo: «Signorina, lei ha sbagliato porta».

La studentessa di quinta, che stava per entrare in classe, meravigliata chiese: «Perché?». Risposta: «Perché questa non è la discoteca». Infatti, vi lascio immaginare com’era abbigliata. La cosa finì lì, apparentemente. La settimana successiva mi chiamò il preside. C’era un esposto contro di me, firmato da tutta quella classe, il fidanzato della discotecara e i genitori di lei. L’accusa non era di molestie sessuali ma quasi. Il preside, per evitar rogne, trasmise al provveditore, il quale, per evitar rogne, trasmise al ministero. Io, per evitar rogne, mi dimisi all’istante. Mi avevano confezionato una bella trappola e se mi fossi difeso sarebbero arrivati i sindacati, le femministe, la stampa e le televisioni. Date retta, nun ce sta nient’a fa’, la scuola italiana è la Zattera della Medusa.

Sogno una situazione nella quale volentieri tornerei a insegnare: col mio curriculum sotto il braccio mi presenterei a un preside e chiederei quanto sarebbe disposto a darmi. Se lui giudicasse che, con me, le iscrizioni aumenterebbero, mi darebbe quel che chiedo, più un ufficio tutto mio in cui ricevere gli studenti e personalizzare quel che insegno. State sicuri che nessuno imbratterebbe il banco, perché il papà gli farebbe passare la voglia: il banco, infatti, è suo, non «di tutti».

Prevengo le obiezioni: prolifererebbero le scuole islamiche. Oh, sì. Ma quanti sono i musulmani che per i figli sognano una carriera da imam e non da manager pagatissimo?  Si chiama concorrenza, e i liberali dovrebbero esserne i primi sostenitori. E dico di più: la divisa scolastica, come in Giappone, come in Inghilterra. Così, il povero con borsa di studio non dovrebbe sedere accanto al compagno griffato. Come si vede nei film, gli americani fanno i salti mortali per andare al college. L’alternativa è friggere patatine da McDonald’s. Non a caso gli Usa rule all the world.